Daniele Giuliani (Giotto) - Il Silenzio

Daniele Giuliani (Giotto)

Il Silenzio

spray su tela - due pezzi cm 70x100, cm 50x100

Giuliani affida la propria riflessione artistica a un dittico di tele su cui interviene con la bomboletta spray. L’estrema abilità tecnica gli permette di non usare maschere, stencil o scotch: il risultato è un’opera fortemente evocativa in cui più che altro sembra rappresentato uno stato d’animo. Il soggetto figurativo è completamente diverso: su una tela, i binari di una linea ferroviaria, inghiottiti nella fuga prospettica da un tunnel lontano, sono costituiti da una ripetizione cadenzata di traversine, come note su un pentagramma. Sull’altra, due mezzi volti di donna in primissimo piano accentuano la bidimensionalità: non è chiaro se figurino la stessa persona riflessa in uno specchio o due persone diverse immerse nell’ascolto di sé. Così eterogenee, le tele potrebbero vivere di una propria autonomia, ma nell’accostamento generano un’opera nuova in cui il silenzio diffuso e l’atmosfera sospesa, fuori dal tempo, urlano tutta la loro presenza. L’uso del bianco e nero e la grana pittorica “sporca” moltiplicano l’effetto: lo straniamento che ne deriva lascia ampio spazio all’interpretazione. Nell’assenza di ogni sonorità le immagini sembrano sparire dietro la simmetria, la prospettiva, l’ordine geometrico che soggiace alla composizione. La sospensione vibrante sollecita ad interrogarsi su cosa potrebbe accadere se un evento giungesse improvviso a negare questa diffusa armonia: soltanto un assordante rumore.